www.orvietocountry.it:
Agriturismo zwischen Toskana, Umbrien, Latium, im Herzen Mittelitaliens, ganz in der Nähe von Orvieto und dem Bolsenasee.



Orte

Situata su di un'alta rupe tufacea dominante la sottostante valle del fiume Tevere la cittadina di Orte con il suo centro storico sembra essersi adattata con il passare del tempo alla forma del colle: le case periferiche si impiantano direttamente sul ciglio delle pareti a picco che appaiono perforate a varie altezze da antiche abitazioni scavate nella roccia tufacea.
Per la sua posizione all'incrocio delle strade che risalgono la valle del Tevere con la strada trasversale proveniente da Viterbo, che qui varca il fiume inoltrandosi nell'Umbria, Orte può essere considerato un importante nodo stradale e ferroviario. In corrispondenza dello scalo ferroviario, si è formato in epoca più recente il centro di Orte Scalo.

DA VEDERE:
Basilica di Santa Maria Assunta
Fondata nel IX sec., nell'aspetto attuale, dalle forme barocche e luminose, è il frutto dell'ultima ristrutturazione del 1721 su progetto degli architetti Castrachini e Bizzacchero. I lavori della facciata iniziarono nel 1898 e terminarono nel 1901. Altri lavori l'avevano trasformata e ingrandita nella prima metà del trecento e nella seconda metà del cinquecento.
Pregevole l'organo settecentesco costruito con parti di un precedente strumento cinquecentesco.
Notevoli il coro ligneo, il seicentesco altare monumentale (nel quale si conservano le Reliquie dei Santi Martiri Compatroni), e la pala d'altare di Giuseppe Bottani del 1752 che raffigura la Madonna in gloria con gli otto Santi Martiri.

La facciata della Basilica

Palazzo Nuzzi


La facciata di Palazzo Nuzzi

Fatto costruire agli inizi del '700 dal Cardinale ortano Ferdinando Nuzzi, Prefetto dell'Annona e Vescovo di Orvieto, su progetto dell'architetto Carlo Fontana. Dopo l'Unità d'Italia divenne sede municipale e fu accorpato all'antica residenza comunale. Nell'androne sono esposti reperti marmorei classici e altomedievali di provenienza locale.
Al primo piano sono presenti alcune sale affrescate. Tra queste di particolare interesse è l'attuale Aula Consigliare.
In una sala adiacente si possono ammirare due pregevoli tele del XVII secolo.


Museo Diocesano e d'Arte Sacra
La raccolta diocesana, anche se costituita da un nucleo non vasto, presenta opere di notevole qualità ed interesse. Numerose le tavole a fondo oro dei secoli XII - XVI di scuola altolaziale, umbra e senese, tele, argenteria e paramenti sacri. D'eccezionale importanza il prezioso frammento di mosaico della “Madonna bizantina” (VIII sec.), proveniente dall'Oratorio di Giovanni VII (705-707) nella Basilica di San Pietro in Vaticano.

Mosaico della Madonna Bizantina
Il museo ha sede presso la chiesa romanica di San Silvestro ubicata in una piccola e caratteristica piazza nel centro dell'abitato. La costruzione, a navata unica, risale alla metà del sec. XI. La torre campanaria, del tipo romano-laziale, è databile alla metà del sec. XII. La campana originaria è conservata all'interno del museo.

L'Ottava di Sant'Egidio

La rievocazione medievale

L'evento più importante di tutta l'estate Ortana, è la festa medievale dedicata al Santo Egidio.
Si tratta di una festa con origini antiche (risale al 1300), che viene festeggiata ogni anno dal 31 di Agosto fino alla seconda settimana di Settembre, in cui le sette contrade della città festeggiano il Santo.

Dopo sette giorni di feste, giochi, musiche e balli rigorosamente in abito medievale nonchè lauti banchetti con piatti preparati rispettando antiche ricette presso le Taverne delle Contrade, la festa termina l'ottavo giorno con il palio degli Arcieri, durante il quale gli abili tiratori di ogni contrada si contendono, per la propria contrada nella piazza centrale, l’anello d’argento del diametro di 10 cm. tirando con archi di legno di tipo medievale.



 

 

Agriturismo Valle del Tione - Località Canonica - Orvieto - Terni - Umbrien - Italia
Tel. 0761798742 - 3381496560 - email: info@orvietocountry.it P. iva: 01699510564