www.orvietocountry.it: Agriturismo tra Toscana, Umbria e Lazio, nel cuore dell'Italia Centrale a due passi da Orvieto e dal Lago di Bolsena.



Civita di Bagnoregio

La città di Civita di Bagnoregio si trova arroccata su uno sperone di roccia tufacea sovrastante la valle di calanchi formate dai torrenti Chiaro e Torbido, unita alla "civiltà moderna" da un lungo ponte pedonale e non accessibile alle automobili.
Viene anche chiamata "La città che muore" a causa di una lenta ma irrefrenabile erosione che vede lo sperone tufaceo progressivamente assottigliarsi a causa dell' azione erosiva degli agenti atmosferici che lo modellano nelle tipiche forme dei calanchi - piccoli bacini delimitati da creste e pinnacoli creati dall' azione dilavante della pioggia sull' argilla.
Praticamente disabitata e grazie al suo isolamento ha mantenuto nel corso degli anni il suo aspetto tipicamente medioevale.

La Chiesa di San Donato
Subito dopo aver percorso il lungo ponte di cemento armato ed attraversata la caratteristica porta, a metà di via Santa Maria, subito a sinistra si trova la chiesa di San Donato, con la sua piazza, dove due volte l'anno si corre il palio asinino della "Tonna".
La chiesa, rimaneggiata nel XVI secolo, conserva al suo interno un crocefisso ligneo del 400 della scuola di Donatello ed un affresco attribuibile alla scuola del Perugino.
Dall'alto della torre campanaria si gode di una vista mozzafiato.

La chiesa di San Donato

a passeggio per la città...


Suggestivo scorcio di Civita di Bagnoregio.

Da ammirare i palazzi medievali delle famiglie Colesanti, Bocca e Alemanni, un caratteristico frantoio del '500, la casa di San Bonventura e la Galleria Etrusca che attraversa completamente la città da Nord a Sud, permettendo l'accesso alla città passando per la valle dei calanchi.



Panorama della città

La porta di Santa Maria

San Bonaventura

La chiesa di San Bonaventura

Il personaggio più rappresentativo legato a questa terra è S. Bonaventura (Giovanni Fidanza n.1217-m.1274) che nel 1243 entra nell'Ordine Francesco; filosofo e teologo fu definito "l'oratore più efficace dei suoi tempi" e uno dei maggiori esponenti del misticismo medievale.
Sul bordo orientale del Belvedere di Bagnoregio, dove era il Convento Francescano, si trova una grotta scavata nel tufo dove, secondo la tradizione, il Santo si ritirava in preghiera.
A lui il paese di Bagnoregio ed i suoi cittadini hanno dedicato un monumento posto al centro di Piazza Sant'Agostino con tre formelli rappresentanti la vita del Santo e a sovrastarli una statua in bronzo alta 2.50mt.

Notevole anche la chiesa a lui dedicata sorta sopra una già esistente chiesa parrocchiale ormai in rovina, dedicata a S. Angelo ed acquistata dalla Venerabile Compagnia di San Bonaventura nel 1632.
Completata così come la possiamo ammirare oggi verso la seconda metà del 1800 dopo oltre due secoli di totale abbandono.


 

 

Agriturismo Valle del Tione - Località Canonica - Orvieto - Terni - Umbria - Italia
Tel. 0761798742 - 3381496560 - email: info@orvietocountry.it P. iva: 01699510564